Muscoli “Rosa”

Muscoli “Rosa”

La passione per i pesi, la lotta contro gli immancabili pregiudizi di chi non vede di buon occhio la donna che pratica il culturismo, il quotidiano cadenzato da ferrei allenamenti e cura della sana alimentazione: Maria Grazia Iacopino, body builder catanzarese, abbraccia il mondo della ghisa con entusiasmo e la consapevolezza che ogni sforzo mirato a sollevare bilancieri e manubri non può che portare fruttuosi benefici al fisico ed alla mente.

Muscoli guizzanti che modellano perfettamente il corpo, senza eccessi, ma la proporzione giusta che fa apprezzare ancor di più i vantaggi della sala pesi.

Ho sempre amato il culturismo – sottolinea Maria Grazia Iacopino ad Oggisud – Lo sport fa parte della mia vita, da sempre. Un corpo scolpito, modellato dall’attività fisica, fa stare bene. I pregiudizi sulle donne che praticano il bodybuilding non mancano mai. Personalmente ci ho fatto, ormai, l’abitudine.

Ma a chi punta l’indice alla donna che va in palestra ad allenarsi con pesi e macchinari dico che il body building, fatto con intelligenza, non fa perdere la femminilità e aiuta tantissimo a mantenere i muscoli tonici soprattutto a chi non è più giovanissima. Sappiamo bene che l’incalzare degli anni fa perdere tonicità ai nostri muscoli e l’allenamento con i pesi, a tal proposito, è un ottimo antidoto. Per questo invito le donne a frequentare la palestra senza remore così da rassodare il loro corpo”.

Allenamento e dieta: un binomio ferreo, imprescindibile.

“Si – continua la body builder catanzarese – l’alimentazione riveste un ruolo importante nel culturismo. Pollo, pesce, verdura e frutta non devono mancare a tavola. Come anche gli integratori di vitamine”.

Maria Grazia Iacopino apre, poi, il capitolo delle gare di body building, naturale palcoscenico di chi abbraccia questo sport con grande trasporto e non pochi sacrifici.

Le gare sono sempre delle esperienze bellissime, anche quando si esce delusi da una sconfitta. L’esibizione sul palco è lo specchio che riflette la vita sportiva del body builder, dall’allenamento alle pose, alla cura dei costumi da gara alla classica “mallatura”( si tratta di una particolare crema che permette di abbronzare il corpo in pochi minuti, ndr). Il tutto accompagnato dall’immancabile ansia che genera la competizione”.

Qual è la giornata tipo della body builder Iacopino?

Entro in palestra ogni giorno e sotto gara mi alleno anche due volte nella stessa giornata, dedicandomi più volte al cardio. La mia tabella è abbastanza forte, nel senso che carico e molto sui dischi. Amo, in particolare, allenare i dorsali e ciò attraverso esercizi con bilancieri, manubri, sbarra e macchinari. Di contro, non ho un grande feeling con gli esercizi mirati allo sviluppo delle gambe, ma nonostante ciò gli stessi non mancano nella mia routine d’allenamento, anche perché non si può isolare dagli allenamenti un determinato gruppo muscolare”.

Rispetto agli anni passati, qual è il rapporto della donna con il bodybuilding?

C’è un dato positivo: la donna si avvicina sempre più ai pesi. Questo non può che far piacere. Osservo ragazze e anche donne non più giovanissime che hanno ben compreso i benefici che derivano da un salutare allenamento imperniato sul bodybuilding non esasperato. i curano le braccia, nota un po’ dolente che caratterizza il passare degli anni nella donna, e la tonicità delle gambe.

Sono contenta quando in palestra vedo la ragazza e la donna in là con gli anni che afferrano con forte convinzione gli attrezzi perché desiderosi di rassodare il corpo”.

Questa la “fotografia” di Maria Grazia Iacopino, body builder elegante, forte e  testimonial del culturismo sano e appassionato.

 

 

 

Author’s Posts